Riusciremo a trasformare un problema in opportunità?

La situazione generata dalla rapida diffusione del COVID-19 e dalle decisioni prese del Governo Italiano per contrastarne la diffusione sta costringendo buona parte di noi a gestire il lavoro in modalità “agile”.

Anche io, in questo momento, sto scrivendo questo post da casa.

Per chi, come SmartCAE, si è organizzato per gestire questo scenario, la parola “smart-working” significa riuscire a dare continuità alle proprie attività e avere la capacità di gestire il rapporto con clienti e colleghi a distanza, ritagliandosi il tempo e lo spazio in un ambiente “differente” da quello canonico dell’ufficio… talvolta anche “ostile”.

Provo a spiegarmi con un parallelo calcistico.

Quando penso alle giornate di lavoro “da casa” che mi si prospettano, mi sento come se fossi di fronte a una serie di partite da giocare tutte “fuori casa”.

I cori degli ultras e gli striscioni avversari (che nel nostro caso sono il frigorifero che ci tenta per uno snack o i figli piccoli che reclamano la nostra attenzione) non devono farci perdere la concentrazione: dobbiamo rimanere focalizzati sul gioco e continuare a fare squadra con i colleghi se vogliamo portare a casa i 3 punti (ovvero accontentare il cliente).

Una sfida che dobbiamo vincere

A parte i risvolti psicologici e i problemi organizzativi del lavoro a distanza, per me questa rappresenta comunque una sfida interessante.

Ho infatti deciso di usare il lavoro agile come stimolo per rivedere e mettere in discussione alcuni dei processi e degli strumenti che ho affinato negli anni e che, per comodità / mancanza di tempo / pigrizia, non ho trovato il tempo di perfezionare o sostituire con qualcosa di più performante.

Userò il lavoro agile anche per sperimentare nuovi strumenti e piattaforme che potranno aiutare me, i miei colleghi e i nostri clienti a svolgere meglio e in meno tempo il proprio lavoro.

Questo vuol dire riuscire a ritagliarsi del tempo per documentarsi, studiare, sperimentare.

Dietro ogni problema c’è un’opportunità

Questa frase non l’ho pensata io, ma pare sia stata detta da Galileo Galilei, un tizio che sapeva decisamente il fatto suo in termini di studio e sperimentazione!

Forse è proprio questa l’opportunità che si cela dietro il problema: accogliere questa situazione per migliorare sé stessi e per perfezionare strumenti e metodi del proprio lavoro.

Dobbiamo fare in modo che quando usciremo da questa emergenza (perché sicuramente ne usciremo, è solo questione di tempo) saremo pronti alla ripartenza e un po’ migliori rispetto a quando ci siamo entrati.

Perché quando ne usciremo dovremo correre più veloce degli altri per recuperare il gap che si sarà creato nel frattempo.

Il nostro piccolo contributo

Nel suo piccolo SmartCAE può darti una mano a documentarti, studiare e sperimentare le tecniche di simulazione al calcolatore, perché è di questo che ci occupiamo da quasi vent’anni.

Attraverso il nostro portale di Webinar, puoi accedere a oltre 40 ore di video dedicate alla simulazione strutturale, alla fluidodinamica, ai materiali compositi.

Sul nostro Blog trovi storie di successo e esempi pratici su come applicare le tecniche di simulazione alla progettazione del prodotto.

Nei nostri e-Book trovi indicazioni e suggerimenti per implementare al meglio il workflow di analisi più appropriato per i tuoi scopi.

Trovi la mappa per orientarti tra le nostre risorse on-line attraverso questa pagina:

https://www.smartcae.com/risorse/

Nelle prossime settimane pubblicherò nuovi contenuti che potranno aiutarti a consolidare la tua conoscenza del mondo della simulazione al calcolatore.

Segui il nostro consiglio: ritagliati del tempo per leggere un eBook sulla fluidodinamica CFD oppure guardare un webinar sul calcolo ad elementi finiti.

In questi giorni che dobbiamo stare forzatamente chiusi in casa, sono due attività positive che possono aiutarti ad ampliare la tua competenza e farti trovare pronto per quando torneremo alla normalità…

…e anche perché la 4° serie de “La Casa di Carta” uscirà su Netflix soltanto il 3 Aprile! 😉

Femap - Real FEA made easy
SmartCAE - eBook Analisi FEM

Le sfide del monitoraggio continuo dell’integrità strutturale

La tragedia del ponte Morandi a Genova ha portato alla ribalta un aspetto importante dell’ingegneria, quello del monitoraggio dell’integrità delle str...

Riuscirà la fibra di carbonio a sostituire l’acciaio nelle autovetture?

Si prevede che il mercato dei compositi utilizzati nel settore automobilistico supererà i 13 miliardi di dollari entro il 2022, con un tasso annuo di...

Simcenter 2019.2 – Structures

In questo post vediamo le novità della nuova versione di Simcenter 3D per quanto riguarda le funzioni legate all’analisi strutturale. Puoi vedere il w...

SmartCAE - logo trottola

Send this to a friend