Guarda la Registrazione del Webinar

In questo post parliamo dell’Ottimizzazione Topologica come strumento per concepire una nuova forma per il prodotto, una volta definito lo spazio di progetto, le condizioni di lavoro, la tecnologia di realizzazione e gli obiettivi strutturali.

Lo script del filmato

Spesso lo sviluppo di un prodotto attraversa una fase creativa nella quale sono ben chiari i compiti che devono essere svolti dal componente ma non è ancora delineata la forma che deve avere il tutto per raggiungere gli obiettivi.

Da una parte conosciamo le interfacce tra i vari componenti, abbiamo delle stime più o meno realistiche dei carichi, sono definiti dei target in termini di prestazioni meccaniche (rigidezza, resistenza, peso, e via dicendo); definiti sulla base dell’esperienza o di benchmark con altri prodotti propri o della concorrenza.

Dall’altra parte abbiamo delle idee sulle tecnologie di realizzazione del manufatto: carpenteria saldata, lavorazione per asportazione di truciolo, fusione, iniezione, o addirittura la stampa 3D.

Nel mezzo abbiamo il foglio bianco, o meglio uno spazio di progetto contenuto all’interno del volume che inviluppa le interfacce e dentro il quale vogliamo trovare una distribuzione di materiale che non solo garantisca le prestazioni desiderate, ma che sia anche realizzabile economicamente.

L’Ottimizzazione Topologica è una tecnica di simulazione al calcolatore nella quale è possibile far convergere le caratteristiche essenziali del progetto in termini di ingombro del prodotto, tecnologia produttiva, carichi, condizioni di funzionamento e obiettivi da raggiungere.
Questa tecnica di simulazione permette di sintetizzare forme innovative per il prodotto, identificando le zone del volume necessarie al raggiungimento del target, e rimuovendo le altre.

In breve: è lo strumento giusto per innovare la forma del prodotto, fornendo al progettista spunti e suggerimenti spesso fuori dagli schemi.

La simulazione termica semplifica lo sviluppo di apparecchi a LED

Ogni dispositivo di illuminazione elettrica produce un sottoprodotto indesiderato: il calore. Nel caso dell’illuminazione a incandescenza e fluo...

Nuovi comandi di Femap 11.3

Come sanno tutti gli analisti FEM, la fase più critica della preparazione di un modello ad elementi finiti è quello della creazione della mesh. Spesso...

Come usare il bolt preload di Simcenter Nastran

Indice dei contenuti Modellare i collegamenti bullonati con Simcenter NastranIl Linear Contact di Simcenter NastranIl Bolt Preload di Simcenter Nastra...

SmartCAE - logo trottola

Send this to a friend